Pagine

venerdì 5 febbraio 2010

* "Gli umani sono la specie più pericolosa sul globo terrestre", ovvero la verità sullo spiaggiamento di capodogli in Puglia

Qualcuno di voi ricorderà lo spiaggiamento di Capodogli che c'è stato a dicembre sulla costa settentrionale del promontorio del Gargano, nei pressi del lago di Lesina.

Per alcuni giorni se n'è parlato tanto su tutti i media, spesso a sproposito.

L'unica voce sensata che avevo avuto modo di ascoltare, anzi di leggere, era quella di Marco Affronte nel suo blog Storie di Mare, che ne ha parlato qui, qui e qui.

Ieri su segnalazione di Cicciopettola nel suo blog Topkapi, vengo a sapere che il giornale on-line Terra Nostra ha condotto un'inchiesta, ancora in corso, che ha messo in luce una verità taciuta, perché scomodissima, tanto per cambiare.
In sintesi, oltre all'emergenza ambientale in cui versa quel tratto di costa a causa dell' abbandono di scorie nucleari, di residui bellici, di navi affondate imbottite di veleni chimici, di ordigni inesplosi, emerge da questa inchiesta che dal primo al 31 dicembre del 2009 un'ordinanza della Capitaneria di Porto di Termoli aveva interdetto un’area marina vicina alla zona di spiaggiamento, per consentire la realizzazione di un’esercitazione dell’Aeronautica militare italiana, vera causa dello spiaggiamento.
Inoltre una elevata fonte militare italiana ha rivelato che il 9 dicembre erano stati "avvistati 10 capodogli in difficoltà", ma, come tutti sappiamo, la notizia è stata fatta trapelare agli organi di informazione soltanto il 10 dicembre.
Suggerisco a chi è interessato all'argomento di visitare direttamente il sito di Terra Nostra.
La loro amarissima, ma purtroppo vera, conclusione è che "gli umani sono la specie più pericolosa sul globo terrestre"...

21 commenti:

enza ha detto...

speravo di trovare almeno un centinaio di commenti indignati.
son 3 giorni che ho voglia di aprire il post poi un pò i pianti delle 4 un pò il timore di leggere una realtà che mi avrebbe fatto male ho evitato.
oggi entro e non trovo nemmeno un commento.
e il nostro mare (e non solo il nostro) muore.
che scrivere di più? mi sembra di non aver parole come quando mi ritrovo a fare le condoglianze.

Valeria e Marco, ovvero i Filibustieri ha detto...

@ Enza hai perfettamente ragione.
Anche il post di Davide (Cicciopettola) che mi ha spinto a scrivere, ha ricevuto 2 commenti, e uno era il mio!!!
Non so se il motivo di questa mancanza di reazioni sia l'esiguità dei miei lettori o lo scarso interesse che suscitano argomenti del genere.
Mi auguro che sia la prima ipotesi, perché non interessarsi del nostro pianeta che muore è molto triste.
Il mare e i suoi abitanti sono una specie di cartina tornasole della salute della terra, e la situazione è sempre più preoccupante, soprattutto perché la maggior parte della gente fa finta di nulla, si concentra unicamente sul "qui e ora", non vuole pensarci perché è un è pensiero deprimente, se non agghiacciante...
insomma, a volte mi scopro a pensare "Ma Sara, in che situazione ambientale si troverà da adulta?" e quindi, nel mio piccolo cerco di fare quello che posso nell'illusione di riuscire a smuovere qualche coscienza e che questo piccolo, insieme a tanti altri piccoli, alla fine porti ad un risultato, magari piccolo, ma che sarà pur sempre qualcosa...

Argh! ho scritto quasi un secondo post! perdono!
baci a te e alle piccole.

Mauri ha detto...

Leggo adesso e la mia conclusione è che lo schifo in cui viviamo ci ha resi muti e l'indignazione è zittita dalle solite frasi idiote che ci tacciano di essere "illusi,idealisti, fuori dalla realtà" insomma chi si indigna non può fare altro che elaborare in silenzio il proprio dolore, quasi che fosse personale e non collettivo il disastro a cui stiamo inesorabilmente andando incontro. Apriamo gli occhi ai nostri figli, teniamo aperti i nostri per osservare che questo terribile meccanismo di rimozione in cui ci siamo adagiati ha già portato ad avvallare comportamenti criminali, speriamo di svegliarci in tempo tutti insieme.il "qui ed ora" se guardato bene è sufficientemente orrido.
spero comunque che il tutto abbia una FINE, e spero anche di esserci.forse è meglio che la prossima volta io scelga il silenzio..(?!)

Valeria e Marco, ovvero i Filibustieri ha detto...

@ Mauri, no direi che il silenzio sarebbe ancora peggio del "qui e ora".
Hai ragione quando dici "apriamo gli occhi ai nostri figli e teniamoli bene aperti noi", se tutti rimuovessimo quel che non ci piace vedere o ascoltare credo che questo pianeta lo distruggeremmo in un battito di ciglia.

p.s. ho letto il tuo commento da Vaifra, e concordo con "grigio e freddo=depressione"!

Viviana B. ha detto...

Che tristezza infinita! E la cosa peggiore è che in periodo elettorale tutti si riempiono la bocca con parole come "sostenibilità ambientale", "tutela del territorio", "rispetto dell'ambiente"...
Pare ovvio che poi simili verità vengano insabbiate il più possibile!
Fà specie, invece, constatare che non ci siano commenti indignati. Almeno una sana incazzatura davanti a certi scempi dovrebbe essere d'obbligo!

Viviana B. ha detto...

Passo solo per lasciarvi il mio abbraccio e per dire a te e Marco Affronte che ho pubblicato anch'io un post al riguardo.
(E, anche nel mio caso, i commenti latitano...).

Valeria e Marco, ovvero i Filibustieri ha detto...

@ Viviana secondo me chi si indigna, come noi, di fronte all'indifferenza dei più e all'immobilità delle istituzioni si è pure stufato di rimarcarlo, e forse non ha tutti i torti...

Viviana B. ha detto...

Buona giornata al trio filibustiere! :-)

Viviana B. ha detto...

Vale, lo so che sbaglio, ma è più forte di me: certe cose non riesco a non vederle e, soprattutto, una volta che le ho viste non riesco a digerirle!
Tra ieri e l'altro ieri ho scritto due post che sono stati uno sfogo ma anche una disperata richiesta d'aiuto; aiuto, perchè proprio non capisco come possano avvenire cose simili; aiuto, perchè mi sembra di essere un'extraterrestre, in un mondo che non comprendo...
Boh, Vale, davvero, a volte lo sconforto è tale che mi vien voglia di inserire il pilota automatico alla mia vita e lasciare che vada dove vuole, dove la guidano gli eventi e la maggioranza. Che tanto, se ai più sta bene così, forse è giusto così. E magari ci guadagnerei in salute.

Mauro ha detto...

Io commento solo ora, anche se avevo già letto il post sul blog di Davide.
Dico questo: Abito a 8 km da un capoluogo di provincia e non ho linea ADSL, me la cavo con una chiavetta che per far funzionare devo mettere fuori dalla finestra di casa con 2 mt di prolunga, altrimenti non c'è segnale.
Internet è un mezzo di comunicazione importante proprio per far circolare liberamente idee e opinioni e notizie.
Quando ho chiesto ai "tecnici" di una certa (monopolista) compagnia telefonica "perchè?" mi hanno risposto ridendo: "è solo una questione politica."
Se le idee non circolano la mente rimane chiusa.
Ecco perchè non c'è l'ora di filosofia in molte scuole superiori (esclusi i licei), creiamo esseri "non pensanti".
Poi infarciamo la televisione di "rinforzi vicari" (vedi apprendimento per imitazione) come il successo, il potere, la fama... e tutti dietro a utilizzare i neuroni (che sembran tanti...) per raggiungere questi traguardi... e il tempo per pensare quando???

Valeria e Marco, ovvero i Filibustieri ha detto...

@ Viviana, non sbagli, non sbagli. E' giusto, anzi direi doveroso indignarsi, non digerire certe cose, così come hai fatto anche nel tuo post sullo sfacelo del nostro sistema educativo.
Guai se anche chi come te, me e, per fortuna tanti altri, tacesse di fronte alle storture del nostro paese... non siamo pochi, ma nemmeno la maggioranza, altrimenti non staremmo qui a parlarne. Quando dicevo che chi si indigna si è forse stufato di rimarcarlo intendevo proprio quello che hai detto tu: lo sconforto dovuto alla sensazione di impotenza e all'indifferenza generale fa venire voglia di mettere il pilota automatico, di andare avanti lasciandosi scivolare addosso le cose; però penso che se si crede fermamente in certi valori, se si dà peso e importanza a certe cose, pur provandoci alla lunga non ci si riesce proprio a guardare da un'altra parte e farsi i fatti propri, e quindi purtroppo non se ne guadagna in salute! anche perché, vista la situazione ambientale, il guadagno in salute sarebbe solo illusorio!
E' veramente avvilente tutto ciò!

@ Mauro hai letto il penultimo post di Viviana? siamo nelle loro mani, e la cosa peggiore è che lì seduti a decidere ce li abbiamo messi noi.
Ho la sensazione che questo "disegno", se così lo vogliamo chiamare, di far crescere una popolazione ignorante sia stato messo in atto con sistematicità: è molto più semplice manipolare chi non ragiona, non si interroga, non riflette su ciò che lo circonda, in una parola, come hai detto tu giustamente, non pensa... e la cosa tragica è che ci stanno proprio riuscendo, nonostante le flebili voci di protesta e i tentativi inascoltati di chi ancora fa funzionare la testa.
E noi che cosa possiamo fare? questo è quello che mi chiedo sempre: non molto, ma (e qui mi rivolgo di nuovo anche a te Viviana) continuare a parlare, riflettere, indignarsi, protestare quello si, non solo possiamo, ma dobbiamo continuare a farlo.

Viviana B. ha detto...

Vale, ma dai, mi fai anche pubblicità?!? He! He! He! Sono commossa!
E pensare che arrivo qui da te per darti un nuovo motivo d'incaxxatura... mi sento quasi in colpa...
Va beh, io te lo dico, poi vedi tu se secondo te il tuo sistema nervoso può reggere o meno al colpo: da me ho pubblicato, ieri, un post circa l'ultima sparata del nostro Presidente del Consiglio. Come italiana e come donna mi sentivo - e sento - indignata! Tant'è che dall'indignazione è scaturita una ricerca delle castronerie, boiate, gaffes e scemate che l'egregio ha collezionato in svariati anni. Se ti va - e se il sistema nervoso regge - ti aspetto da me!
Un bacione!

Mauro ha detto...

Ho letto il post di Viviana... mi sembra di vivere in "Matrix"... datemi la pillola per svegliarmi!!! non voglio fare la batteria.
:(

Viviana B. ha detto...

Buona serata, mia cara!

Carmine Volpe ha detto...

sono passato per un saluto, so che sei piuttosto presa, ho visto le foto della piccina che cresce, complimenti, sono daccordo che l'uomo è il più pericoloso per il pianeta sopratutto viviamo nell'indifferenza e nella menzogna!!

Viviana B. ha detto...

Scrivo poco, ma passo spesso. E vi penso anche più spesso ancora! :-)
Un abbraccio

Viviana B. ha detto...

Vale, ti immagino presissima e per questo non "ti rompo" più di tanto, ma mi farebbe davvero piacere un tuo commento su L'Isola dei Cassintegrati. Grazie fin da adesso! Un bacio a te e... stroppici alla delfinetta! :-)

Valeria e Marco, ovvero i Filibustieri ha detto...

@ Viviana tu sei troppo carina e affettuosa, passi sempre di qui e io nemmeno ti rispondo; come ben immagini i momenti per navigare su internet sono pochi e striminziti, spesso leggo ma non posso commentare, cercherò di farlo come mi chiedi...
intanto tanti baciotti

@ Carmine grazie per i tuoi complimenti, che devo ricambiare a te: continuo a seguire nell'ombra i tuoi post sperando prima poi di poter approfittare dei tuoi suggerimenti di viaggio!
a presto

Lefrancbuveur ha detto...

Un salutissimo! Come state?

Valeria e Marco, ovvero i Filibustieri ha detto...

@ Enrico ciao! grazie di essere passato a trovarci.
Stiamo bene, fra un po' avremo qualche novità da raccontare, finalmente potremo ricominciare a parlare di mare...
intanto ti seguiamo nei tuoi tour gastronomico-bloggerecci... si potrà dire così???
a presto!

Viviana B. ha detto...

Ciao cara! Grazie per la petizione... ;-)