Pagine

sabato 13 dicembre 2008

* Com'è vivere su una barca a vela?

Sempre più spesso ci scrivono persone per chiederci com'è vivere in barca, come si fa a mollare tutto e scegliere di passare la propria esistenza su una barca. Abbiamo quindi dedicato uno spazio a questo argomento sul sito dell'Associazione, e poi di fare qui la stessa cosa.

all'Elba
E' necessaria una piccola premessa.
La richiesta che ci viene rivolta più di frequente è di avere "i consigli giusti per lasciare tutto e realizzare un sogno": in questo senso non siamo in grado di aiutare nessuno. Non c'è nessuno che possa dare un giusto consiglio per cambiare il proprio stile di vita. La spinta deve venire da dentro, e deve nascere da esperienze e convinzioni che sono personali, e nel caso della scelta di vivere su una barca a vela, dal fatto di aver già vissuto il mare, nel senso pieno e più variegato possibile della parola.

Vivere su una barca a vela può sembrare una scelta molto romantica; moltissimi pensando a noi ci immaginano sempre stesi al sole, in panciolle, lontani da stress e difficoltà, ma non è così; sicuramente ci sono momenti di relax e in cui ci si può godere il bel tempo in santa pace, ma non più di quanto capiti vivendo "normalmente".
Non basta adorare il mare: il mare è un organismo vivo e potente, che va rispettato e temuto e non sempre è facile da vivere quando il tempo è cattivo e non fa caldo.
La prima cosa che chiediamo a chi ci scrive è se hanno già avuto esperienze di vita in barca, anche solo per una settimana, perché vivere in barca è bellissimo, ma è anche molto molto diverso che vivere in una casa, e prima di fare un passo così radicale è bene sapere più o meno a cosa si va incontro; noi possiamo raccontare di tutto, ma l'esperienza personale è sicuramente l'unica cosa che può dare realmente la misura e la consapevolezza del tipo di vita che si fa su una barca.
La nostra scelta è nata da una grande passione per il mare e per la vita semplice ed essenziale, tutto parte da qui, ma comunque prima di fare questo passo entrambi abbiamo avuto diverse esperienze di vita in barca, fatte di vacanze più o meno lunghe , di regate e di vita di mare molto intensa, finché ad un certo punto ci pesava " tornare a terra"... dunque questo passo ci è sembrato molto naturale.
ai fornelli
L'impressione, leggendo le lettere di chi ci scrive, è che il desiderio principale sia quello di allontanarsi da uno stile di vita che non piace, la voglia di "scappare", ma non bisogna pensare al vivere su una barca come ad una fuga: è vero che la sensazione di poter partire in ogni istante dà quel senso di "libertà " che lo rende così affascinante, ma per vivere in questo modo bisogna sentire che è il "proprio modo", altrimenti non si resiste e alla lunga si rischia di vivere tutto come un problema, un sacrificio, una rinuncia.
Le difficoltà ci sono, ma tutto viene ripagato dal "ritorno" che il mare col tempo ti dà e dalla consapevolezza che questo modo di vivere è frutto di una scelta sentita.

Facciamo degli esempi pratici partendo dalle domande che ci vengono fatte più spesso.
Lo spazio
. Ci chiedono come facciamo con gli abiti, le scarpe, e tutti gli oggetti che chiunque possiede. Si sa che su una barca normale lo spazio è ridotto.
Tutto quello che possediamo è la nostra barca e quello che contiene; non abbiamo nessuna casa o box d'appoggio, solo Marco ha qualche attrezzo da lavoro un po' ingombrante in un garage che un'amica, all'occorrenza, gli permette di usare come laboratorio.
Possedere poco è un imperativo categorico, a meno che non si abbia una barca grande... ma il poco e
il grande sono relativi... noi viviamo su una barca di 11,50 mt, che contiene tutto ciò di cui abbiamo bisogno: abiti, pentole, cibo, libri e altro.
La rinuncia a tantissime cose che avevamo in casa l'abbiamo vissuta come una liberazione e non come un sacrificio, e a questo proposito una delle prime domande che ci si deve porre alle soglie di una scelta del genere è: "Sono disposto a ridurre il mio guardaroba da un armadio a quattro stagioni al contenuto di una valigia?"
Inoltre avere altre cose in un box o in una casa a terra non serve, perché non avendole a portata di mano si finisce comunque per non usarle. Alla fine è automatico fare una selezione tra ciò che è veramente utile e necessario e ciò che è superfluo, e non avete idea di quanto sia il superfluo!!
Un'altra cosa fondamentale è che quando si imbarca un nuovo oggetto, il vecchio viene sbarcato, così si evita l'accumulo e soprattutto si tende ad usare le cose fino in fondo.
Quando si è in due il massimo è avere anche gusti e taglie simili, ci si ritrova così il doppio delle cose a disposizione, ma questa è fortuna!
Il movimento. Una delle cose che spaventa di più è il movimento continuo della barca; questo è un falso problema perché con il tempo ci si abitua, anzi è una delle cose di cui sentiamo maggiormente la mancanza quando siamo costretti a passare periodi più o meno lunghi a terra... avete notato? diciamo "costretti a terra", perché ci sentiamo bene qui, a bordo della nostra barca.
Ci si abitua talmente che a volte per rendersi conto che ci si muove bisogna guardare fuori e notare il movimento degli alberi delle barche vicine.

E' ovvio che questo avviene in condizioni di relativa calma, invece quando il Libeccio soffia a 30 nodi, anche al corpo morto in porto si balla, e quando dura due o tre giorni può diventare snervante, sia per il movimento sia per il rumore che sottocoperta si amplifica e quando piove a dirotto non concilia di certo il sonno, ma si fa l'abitudine anche a quello e poi quando ritorna il sole ed il vento si calma, l'uscire in pozzetto ed assaporare quell'aria diventa impagabile.



in testa d'albero
Il freddo e l'umidità. Anche questi sono falsi problemi, nel senso che se ci si organizza non si soffre né l'uno né l'altra. Chi decide di vivere in barca non può pensare di cavarsela con una stufina, perché non riscalda uniformemente e perché funziona necessariamente con la corrente a 220V, e spesso le colonnine delle banchine (per chi è a banchina, inutile parlare di chi non è a banchina, ma al corpo morto come noi, e ha al massimo un generatore a bordo) non la reggono, perché anche la stufa elettrica più piccola ha un assorbimento troppo alto. La prima cosa da prevedere a bordo, dunque, è un impianto di riscaldamento ad hoc, che risolve in parte anche i problemi di condensa, che nei mesi più freddi è inevitabile si formi nei punti in cui il calore interno si "scontra" con le basse temperature esterne. Noi a bordo abbiamo il Webasto, che funziona a 12V ed è alimentato a gasolio, con dei consumi ridotti riscalda la barca perfettamente e previene la formazione di umidità.


I consumi. Dando per scontato che le barche sono al sicuro quando sono in porto, ma non sono fatte per questo, la questione dei consumi di bordo diventa molto importante, o meglio, molto diversa che in casa. Quando si è ormeggiati a banchina con disponibilità di corrente e acqua, una doccia in più o lasciare accesa una luce in cabina, non costituisce un problema, ma in barca bisogna imparare ad usare queste "risorse" con consapevolezza, in modo da poter vivere bene anche quando si naviga o ci si trova all'ancora in una rada. Ed ecco dunque un'altra domanda da porsi: Sono disposto a liberarmi dall'ossessione della doccia tutti i giorni, capendo che anche senza si può essere ugualmente puliti, e a fare attenzione sempre all'uso dell'acqua e dell'energia elettrica?"

Il bucato. A meno che non si viva su una barca molto grande, dotata di lavatrice, e di conseguenza di un grosso generatore, o che abbia la possibilità di stare a banchina, il bucato va fatto a terra. Le ormai onnipresenti lavanderie a gettoni in genere hanno anche delle macchine asciugatrici, ma qualche volta il bucato si può stendere a bordo con una cima messa a mo' di stendino dal paterazzo allo strallo di prua o alle sartie, ma attenti al vento! Rischiate di perdere tutto in mare! Di stirare, ovviamente, non se ne parla nemmeno, sempre per la questione dei consumi e dello spazio. Le parole d'ordine sono praticità e organizzazione!
I costi. La manutenzione della barca nel Mediterraneo, soprattutto in Italia, ha dei costi molto alti. Partendo dal presupposto che parliamo da persone con un reddito medio, tutto quello che guadagniamo viene utilizzato per mantenere la barca e per il nostro sostentamento, senza sprechi o acquisti superflui, di cui tuttavia non sentiamo assolutamente la mancanza.
Un grosso risparmio si può avere se si sa dove mettere le mani in caso di guasti agli impianti o alle attrezzature. Gli interventi tecnici specializzati sono molto onerosi e spesso vengono eseguiti con tempi troppo lunghi per chi sulla barca ci vive, per esempio il dover stare qualche settimana a bordo con la barca sull'invaso è una gran rottura di scatole, se i lavori di carena si è in grado di eseguirli da soli si fa prima e si risparmiano soldi e seccature.
Per acquisire competenze del genere ci vuole predisposizione ai lavori manuali e tanta esperienza, e anche questa è una cosa da non sottovalutare.

Detto tutto questo, vogliamo sottolineare che non è assolutamente nostra intenzione scoraggiare chi sta pensando di andare a vivere su una barca: è un'esperienza bellissima ed è una scelta di vita appagante, pur con tutte le sue difficoltà, ma è appunto una scelta di vita, pertanto va ponderata.
Per concludere, l'unico consiglio che possiamo dare è di fare prima un po' di esperienze, non è una scelta che si possa improvvisare, noi per arrivarci ci abbiamo messo anni, molti dei quali senza avere nemmeno la consapevolezza di voler arrivare a questo passo, ed è stato un processo naturale e lento che è cresciuto dentro di noi e che alla fine ci a portato a quella che ci sembrava l'unica strada possibile per sentirci realizzati.
Quindi interrogatevi a fondo e pensate soprattutto che il desiderio di cambiare vita e di abbandonare gli schemi più comuni non deve essere la spinta a vivere in barca, ma sarà la conseguenza di questa scelta.

13 commenti:

Belva ha detto...

Quello che ho sempre ammirato in voi, come vi ho sempre detto, è il coraggio che avete avuto nel seguire quello letteralmente vi diceva il cuore.
Personalmente riesco sempre, e con grandi sforzi, ad andare esattamente nella direzione opposta rispetto a quella che sentirei più mia.
Non so, ma nn credo, se riuscirò mai a fare quello che sento....per questo vi ammiro come neanche immaginate!

Grazie per il post!! :-) Besos

annaB-1 ha detto...

Bravi i miei ragazzi, ma mi mancate tanto, quando Marco lascerà, il suo lavoro a Pisa ogni tanto potreste attraccare nel porto di Salerno così potrei vedervi quando mi affaccio. Bacioni

iLa ha detto...

Bello questo post, anche io mi ero chiesta tante volte: ma come si fa a vivere in barca? Ammiro chi ha una passione tale da prendere decisioni come la vostra. Buon proseguimento ragazzi!

Baol ha detto...

Beh, considerando che c'è chi mi chiede come faccio a vivere in Italia...voi almeno siete sempre pronti a fuggire...ciaoooooo :D

Valeria e Marco, ovvero i Filibustieri ha detto...

@ Belva ma dai! tu parti già sconfitto... no no... così non va... altrimenti che belva sei?

@ Mami veniamo presto, senza barca ma veniamo...

@ iLa anche tu per andare a vivere a Trondheim hai avuto un bel coraggio... mica è da tutti andarsene a vivere in Norvegia!

@ Baol... l'hai detto!!!

Viviana B. ha detto...

Questo post dimostra tre cose:
1) Ci vogliono coraggio e coerenza per realizzare i propri sogni. Altrimenti ci si limita a sognare.
2) Sei veramente una persona eccezionale, anche perchè dimostri quotidianamente di possedere quel coraggio e quella coerenza di cui sopra.
3) Un sacco di gente avrebbe bisogno, ma proprio bisogno di trascorrere un bel periodo in barca. Quelli che non si sentono a loro agio se non cambiano camicia e cravatta almeno due volte al giorno (con tutte le lavatrici che questo comporta), quelli che lasciano il rubinetto dell'acqua aperto o le luci accese che manco Manatthan a Natale, quelli che, in generale, usano le risorse comuni come se si trattasse di loro esclusive proprietà...
Solo che non credo proprio che queste persone abbiano il coraggio e la coerenza di cui al primo punto...
Un abbraccio grande grande, pieno di stima e di affetto!

Jack ha detto...

Gran bel post, interessante e utile e... deprimente per chi come me ha la barca me non ha la possibilità di viverci nonostante il desiderio si estremamente forte...

Con simpatica invidia :-)

Sasuke

Pergus ha detto...

Bel post, vi ricordate di me? Un saluto a entrambi

cicciopettola ha detto...

insomma.. (avendo una barca) basta amare il mare, aver fatto qualche esperienza di vita di bordo di almeno qualche settimana d'imbarco, e non esser schiavi degli oggetti superflui..

dite che posso diventare Caorlino ed andare ad abitare sul Topkapi??? :-)

ok grazie vale.. stasera chiedo il divorzio da mia mogliettina.
;-))))

(seri adesso: clap clap, continuate così, buon vento e buona fortuna sempre. d)

Viviana B. ha detto...

Heilà, a bordo! Ci siete ancora, sì?
Baaaaaciiiii!!!

Valeria e Marco, ovvero i Filibustieri ha detto...

@ Viviana eccoci qui, siamo stati senza connessione per tre giorni...
tu ci fai arrossire, esageri, sembriamo degli esseri rari, ma non è così, è facile seguire i propri desideri quando ci si crede fortemente, soprattutto quando a crederci si è in due... si ha più forza!
anche tu hai tutta la mia stima e il mio affetto, lo sai, ti abbraccissimo!

@ Sasuke/Jack innanzitutto benvenuto! grazie per le tue parole... immaginiamo quanti, come te, pur avendo una barca non hanno la possibilità di fare una scelta come la nostra, sappiamo bene che prima di essere coraggiosi, come a volte veniamo definiti, siamo stati soprattutto molto fortunati a poter scegliere!

@ Pergus e come potemmo dimenticare te e Alisea? grazie ci fa piacere ti sia piaciuto... del resto anche tu ne sai qualcosa di vita in barca, no?

@ Cicciopettola hai sintetizzato benissimo... ehheh ma non vorremmo avere divorzi sulla coscienza!
un abbraccione a te e alla family...

Tullio r_1 ha detto...

Ciao cari Filibustieri; tutto bene nonostante il tempo inclemente?
Carissimi auguri di BUON NATALE e BUON ANNO NUOVO!

Valeria e Marco, ovvero i Filibustieri ha detto...

@ TULLIO! ci chiedevamo dove fossi... sei ancora su bianche e calde spiagge? oggi provo a chiamarti, intanto un abbraccio e tanti bacioni a te e Wally!
ah, noi tutto bene... ehehehe nonostante la pioggia incessante, che per fortuna in questi giorni ci sta dando tregua...