Pagine

mercoledì 14 maggio 2008

* 'O mare


marosi dalla Filibusta
'O mare fa paura".
Accussì dice 'a ggente
gardanno 'o mare calmo,
calmo cumme na tavula.
E dice 'o stesso pure
dint' 'e gghiurnate 'e vierno
quanno 'o mare
s'aiza,
e l'onne saglieno
primm' a palazz' 'e casa
e po' a muntagne.
Vergine santa...
scanza 'e figlie 'e mamma!

Certo,
pè chi se trova
cu nu mare ntempesta
e perde 'a vita,
fa pena.
E ssongo 'o primmo
a penzà ncapo a me:
"Che brutta morte ha fatto stu pover'ommo,
e che mumento triste c'ha passato".
Ma nun è muorto acciso.
E' muorto a mmare.
'O mare nun accide.
'O mare è mmare,
e nun 'o sape ca te fa paura.

Io quanno 'o sento...
specialmente 'e notte
quanno vatte 'a scugliera
e caccia 'e mmane...
migliara 'e mane
e braccia
e ggamme
e spalle...
arraggiuso cumm'è
nun se ne mporta
ca c' 'e straccia 'a scugliera
e vveco ca s' 'e ttira
e se schiaffea
e caparbio,
mperruso,
cucciuto,
'e ccaccia n'ata vota
e s'aiuta c' 'a capa
'e spalle
'e bracce
ch' 'e piede
e cu 'e ddenocchie
e ride
e chiagne
pecché vulesse 'o spazio pè sfucà...
Io quannno 'o sento,
specialmente 'e notte,
cumme stevo dicenno,
nun è ca dico:
" 'O mare fa paura",
ma dico:
" 'O mare sta facenno 'o mare".


Eduardo de Filippo, 1968

*tratta da "Le poesie di Eduardo" - Einaudi 1975

["Il mare fa paura". Così dice la gente guardando il mare calmo, calmo come una tavola. E dice lo stesso anche nelle giornate d'inverno quando il mare si alza, e le onde salgono prima alte come palazzi e poi come montagne. Vergine santa... risparmia i figli di mamma! - Certo, per chi si trova con un mare in tempesta e perde la vita, fa pena. E sono il primo a pensare nella mia testa: "Che brutta morte ha fatto questo pover'uomo, e che momento triste che ha passato". Ma non è morto ucciso. E' morto a mare. Il mare non uccide. Il mare è mare, e non lo sa che ti fa paura. - Io quando lo sento... specialmente di notte quando batte la scogliera e tira fuori le mani... migliaia di mani e braccia e gambe e spalle... rabbioso com'è non se ne importa che ci straccia la scogliera e vedo che le ritira e si schiaffeggia e caparbio, puntiglioso, cocciuto, le tira fuori un'altra volta e si aiuta con la testa le spalle le braccia con i piedi e con le ginocchia e ride e piange perché vorrebbe lo spazio per sfogarsi... Io quando lo sento, specialmente di notte, come stavo dicendo, non è che dico: "Il mare fa paura", ma dico: "Il mare sta facendo il mare".]
marosi in spiaggia

12 commenti:

Viviana B. ha detto...

Bellissimo! "Il mare non fa paura, il mare fa il mare"...
Uno dei princìpi del T'Ien Shu è "Agisci nella verità", che io interpreto come "Sii te stesso, sii vero".
La natura agisce nella verità: la tigre non uccide per divertimento ma per fame, la gazzella non corre nè balza per svago o per mettersi in mostra ma perchè quella è la sua natura, lo squalo non azzanna per perfidia ma perchè è stato "progettato" così... il mare non uccide, il mare fa il mare.
Ah, se anche gli uomini imparassero ad agire nella verità... :-)

Miky ha detto...

Bellissima questa poesia di De Filippo

Molti conoscono artisti come lui o Totò per la loro comicità. Ma pochi sanno che sono stati capaci di scrivere cose meravigliose come questa, o "a livella" di Totò, principe De Curtis.

Ciao Raga
Miky

Ps ... se avete un'attimo passate da
http://aguamala.wordpress.com

thecatisonthetable ha detto...

Quindi lui "non lo sa che mi fa paura"?!

;-)

Valeria e Marco, ovvero i Filibustieri ha detto...

@Viviana verissimo, "La natura agisce nella verità"... se anche noi uomini seguissimo questo insegnamento vivremmo più in armonia, è per questo che dico sempre che l'uomo si è snaturato.

@Miky tra i pochissimi libri che posso tenere a bordo due non li sbarcherò mai: Le poesie di Eduardo, e "A' livella" di Antonio de Curtis in arte Totò...

da aguamala ci passo subito...
buona giornata!

Valeria e Marco, ovvero i Filibustieri ha detto...

@Cat direi che non lo sa... lui è semplicemente il Mare... è stesso, reagisce alle carezze o agli schiaffi del vento, e poi si placa e ci culla...

aguamala ha detto...

Il mare...
Ogni occhio in lui vede qualcosa..Nel corso dei secoli è stato oggetto di paure, curiosità, amori...Siamo noi a dare una libera interpretazione di ciò che potrebbe essere.

Ma il mare è il MARE. Lui basta a se stesso...Senza tempo, senza anni...irragiungibile nella sua mutevole perfezione...
Ciao erika

Valeria e Marco, ovvero i Filibustieri ha detto...

@Erika tu hai il dono della parola...
noi passiamo, il mare per quanto sempre diverso c'era prima di noi e resterà dopo, chissà se il suo fascino su di noi è dovuto alla sua eternità...
PANTALASSA... c'era all'alba dei tempi, prima di PANGEA, e forse è destinato a tornare...

k ha detto...

Bellissima :-)
è vero quello che dici: è l'uomo che pretende, spesso con arroganza o con scarsa conoscenza, di inserirsi o addirittura di modificare la natura, non rispettandone le leggi millenarie.
Il mare fa paura perché non è e non sarai mai il nostro ambiente, ed è per questo che tanto ci affascina...
baci

Belva ha detto...

bellissima.
"il mare sta facendo il mare" , che bello...

Grazie

Valeria e Marco, ovvero i Filibustieri ha detto...

@Belva grazie a te, ma io passerei il tuo grazie a Eduardo, o, ancora meglio al Mare, che suscita da sempre sentimenti profondi... come Lui...
:o)

Belva ha detto...

beh ma anche grazie a te! Grazie per il blog, per le belle cose che scrivi perchè ora mi hai fatto scoprire De Filippo poeta (che, purtroppo, mi mancava, ma mi rifarò) e anche grazie perchè ti ho subito copiato la poesia e messa sul nostro blog :-)(se ti da fastidio la tolgo subito)

Per il grazie ai poeti ma sopratutto a chi spesso li ispira...è un pò complicato, sono più in vena di scuse che di ringraziamenti ma è un discorso lungo...

Insomma, oh, Grazie! :-)

Valeria e Marco, ovvero i Filibustieri ha detto...

@Belva come ho già avuto occasione di dire altrove, le cose belle vanno condivise, quindi nessun fastidio, ma solo gran piacere... e poi la poesia è di tutti mica mia(ehehehe)!
riguardo al discorso lungo delle scuse da fare ci siamo capiti anche senza parlare, mi sa...
e, per dirla alla te... insomma, oh, Prego!! :o)